Maltodestrine e glicogeno, ecco perchè sono correlati

- Scritto da in Allenamento Integratori palestra News

chi si allena da tempo insegue sedute particolarmente prolungate, sebbene la performance tende inesorabilmente a diminuire. Quello che succede è che va a ridursi quella scorte di carboidrati sotto forma di glicogeno muscolare determinando uno stato di ipoglicemia. Tanti studi hanno messo in luce l’importanza di introdurre carboidrati durante il workout vuole competizioni soprattutto quando l’attività fisica oltrepassi 60 minuti. In questo modo è possibile prevenire i sintomi del ipoglicemia e aiutare la conservazione del glicogeno. Un altro interessante aspetto da considerare è proprio la performance che migliora se dal punto di vista della durata e della qualità negli sport come il calcio, sci di fondo, ciclismo. Infine, il corpo reagisce anche con una minore ipotermia, aspetto importante in discipline come il moto di lunga distanza.

Carboidrati performance: studi scientifici al riguardo

secondo l’indagine scientifica che ha studiato la disciplina della corsa, la performance degli atleti migliora distanza di sette miglia utilizzando 1 l di soluzione acquosa in cui è disciolto glucosio 3%. La glicemia infatti aveva visto aumentare i suoi livelli in caso di assunzione di questa soluzione acquosa e si era invece ridotta utilizzando della semplice acqua.

Negli sport a intermittenza come il calcio, gli scienziati hanno notato che le scorte di glicogeno terminano già dopo i primi 45 minuti di gioco e quindi è molto importante mantenere la glicemia entro certi limiti per un intaccare troppo la performance un’indagine condotta proprio su calciatori, effettuata tramite biopsia, a osservato che una soluzione glicemica intorno al 7% durante la rispetto al placebo riduceva la perdita di glicogeno di una percentuale pari ad un ottimo 22%. Questa osservazione ci fa comprendere come mai i calciatori riescano a sostenere sprinta continui ad elevate intensità anche nella seconda metà della gara, a patto che vengano somministrati alimenti o bevande con materiali glucidi a rapidissimo assorbimento.

Maltodestrine e carboidrati per gli sportivi

esistono sul mercato diverse miscele e formule di carboidrati di quelle più utilizzate sono le fluide un tenore di glucosio che non supera il 7% per non generare disordini intestinali. Anche le preparazioni solide ustioni solide come suggello barrette possono risultare i casi ma importante centro sociale un’adeguata somministrazione di liquidi.

Per quanto riguarda i carboidrati possono essere rapida o lenta metabolizzazione. Nel primo caso parliamo indicativamente di 60 g ogni 60 minuti e nel secondo 40 g ogni 60 minuti. Tra i carboidrati rapida metabolizzazione ricordiamo il glucosio, le maltodestrine, il maltosio mentre quelle a metabolizzazione polemica sono ad esempio il fruttosio, il galattosio, il isomaltosio. Il vantaggio delle maltodestrina la loro rapida digestione e il loro altrettanto veloce assorbimento che consenta le molecole di diventare disponibili per i processi energetici.

Le maltodestrine si ricavano dall’amido di mais e non hanno praticamente sapore unica differenza di altri zuccheri semplici non provocano nausea anche a dosi più elevate. In alcuni prodotti, le maltodestrine sono miscelate con il fruttosio che mantiene la glicemia più stabile evitando picchi improvvisi, poiché il fegato lo metabolizza in maniera più lenta.

L’utilizzo di carboidrati ad elevato indice glicemico, ben tollerato e a rapida metabolizzazione, come le maltodestrine, è una strategia molto importante per la fornitura energetica anche e soprattutto negli sport con non sforzi intensi e a intermittenza che generano un veloce depauperamento delle scorte di glicogeno nei muscoli.

I commenti sono chiusi.